Carlo De Vita: E Arrivato il momento delle scelte di coraggio. Casoria Ambiente va sciolta. La politica è responsabile. Casoria Ambiente, un contenitore politico per le campagne elettorali del passato.

Carlo De Vita:  E Arrivato il momento delle scelte di coraggio. Casoria Ambiente va sciolta.  La politica è responsabile. Casoria Ambiente, un contenitore politico per le campagne elettorali del passato.

Carlo De Vita: E Arrivato il momento delle scelte di coraggio. Casoria Ambiente va sciolta. La politica è responsabile. Casoria Ambiente, un contenitore politico per le campagne elettorali del passato.

Incapacità organizzativa e dirigenziale da anni sotto gli occhi di tutti

Casoria Ambiente è arrivata al punto di non ritorno. E ora di programmare lo scioglimento della Società. Sono anni che si assiste ad una Società fatta di incapacità organizzative e di problemi mai affrontati e risolti. La morte di Stefano è solo l’apice di una pessima  gestione, altro che fatalità,  fatta da chi non ha il senso degli obiettivi da raggiugere in modo aziendalistico. Inutile precisare che i vertici aziendali e molti dei quadri sono frutto e risultato della politica che ha solo visto in Casoria Ambiente occasioni elettorali. Un contenitore politico fatto di dirigenti super pagati per non controllare nulla. Incapacità organizzativa, ma soprattutto mancanza di coraggio nel dire la verità,  quella verità che viene celata dall’ego, dall’arroganza e dalla presunzione. Ho più volte denunciato che i risultati ottenuti a fronte dei lauti stipendi elargiti ai dirigenti, dovrebbero essere ben altri. Ci ritroviamo invece una città sporca, tra le più sporche della provincia di Napoli, ed oggi arriva la conferma che anche molte delle procedure di controllo dei mezzi utilizzati e degli spostamenti del personale, sono frutto solo di emergenze giornaliere a cui la Società era abituata. Ogni nuova elezione è una buona occasione per utilizzare la Società per inserire galoppini ai vertici dei consigli di amministrazione. Tutti responsabili, perché la priorità è da sempre piazzare amici e parenti e mai nessuno ha posto in primo piano il bene della Città. Oggi la mia è un’amarezza profonda, perché sono sicuro che da domani nessuno pagherà, mentre a pagare le pene dell’inferno saranno i figli e la famiglia del povero Stefano che, per colpe non sue ha pagato con la vita.

 

Condividi su

Redazione

“Cittadini per Casoria” nasce dal desiderio di risollevare una città ormai allo sbando. Gli onesti cittadini bramano che Casoria risorga dalle ceneri dello scellerato braciere che ne ha consumato avidamente le risorse.

Articoli correlati

Close