Programma

Programma elettorale “Casa Casoria - CARLO DE VITA Sindaco”

Per troppo tempo la Casoria onesta è stata vittima di tatticismi e giochi di potere atti a favorire un'insana oligarchia. È giunto il momento di dire basta, impegnandoci con ogni risorsa disponibile a perseguire quell'ideale sopito di bene comune, affinché le coscienze della popolazione possano ridestarsi. Nel pieno interesse dei casoriani, il programma stilato da “Casa Casoria” intende conferire nuovamente alla città l'ineccepibile dignità di cui è stata spogliata. Scevri dalla scellerata politica dei personalismi, si intende sollecitare la partecipazione attiva dei cittadini e di ogni ente del territorio, coalizzandosi per raggiungere gli obiettivi prefissi senza demordere.

Il programma che presentiamo rappresenta per noi un impegno solenne con i cittadini casoriani su alcuni punti programmatici che tengono conto delle reali condizioni di fattibilità e ancor più delle risorse finanziarie disponibili, sia in fase di realizzazione che di gestione. Riteniamo che per ridare credibilità alle istituzioni occorra innanzitutto attivarsi a livello locale, rispondendo concretamente a tutte quelle attività che sono di diretta responsabilità del Comune. Occorre contestualmente attivarsi per promuovere una razionale politica di programmazione e di attuazione che tenga conto delle potenzialità, delle attitudini locali e delle reali possibilità di sviluppo dei vari settori produttivi, in modo da poter accedere ai contributi e finanziamenti regionali, nazionali e comunitari per creare uno sviluppo concreto e duraturo.

La nostra squadra, qualunque sarà il ruolo che le verrà assegnato dalla sovranità popolare, farà la sua parte mettendosi immediatamente a lavoro per rispondere alle aspettative dei casoriani. Premesso ciò, Casoria dovrà essere città che si apre al mondo, riconsegnando ai cittadini spazi pubblici, scuole, biblioteche. È questo un programma diverso, trasparente, innovativo, che non si basa su logiche propagandistiche. Casa Casoria punta sulla crescita della compartecipazione collettiva, sulla necessità di dare voce a tutti, con un doveroso occhio di riguardo ai tanti soggetti fragili che chiedono di essere ascoltati. Casoria è la nostra casa, difendiamola!

Il programma da noi sviluppato, per efficacia, semplicità e trasparenza, punterà a poche e precise linee ispiratrici che possono essere sintetizzate in 5 macroaree.

OBIETTIVI

Sicurezza e legalità

Da troppo tempo Casoria è vergognosamente scivolata nella mesta condizione di terra di nessuno. Il susseguirsi di episodi di microcriminalità quali furti e rapine ha minato l'inalienabile diritto alla sicurezza dei cittadini. Il programma di Casa Casoria desidera porre tra gli obiettivi primari il recupero della tranquillità perduta, restaurandola grazie ad azioni mirate al controllo del territorio. Ciò sarà perseguito attraverso il conseguimento dei seguenti punti:

  • Maggiore presenza delle Forze dell'Ordine, rafforzando il Corpo di Polizia Locale del Comune, dotandolo dei mezzi necessari per adempiere il lavoro di presidio del territorio, assicurando una maggiore efficacia di intervento;
  • Implementare il servizio di video-sorveglianza con nuove telecamere e, soprattutto, attraverso il censimento delle telecamere private presenti sul territorio, validi strumenti utili a garantire un'azione sia di prevenzione che repressione, favorendo l'individuazione dei responsabili di episodi criminali o eventuali incidenti. Il progetto di videosorveglianza dovrà essere accompagnato da un'adeguata illuminazione pubblica che possa garantire maggiore sicurezza e visibilità nelle ore serali e notturne, ciò al fine di poter prevenire furti, scippi, rapine e atti vandalici;
  • Favorire attività di aggregazione dei cittadini di tutte le fasce d’età, al fine di arricchire la vivibilità nel territorio, ridurre i fenomeni di emarginazione sociale e rafforzare il tessuto solidale. Proporremo un incontro mensile in cui i casoriani si potranno confrontare con le Forze dell'Ordine presenti sul territorio fornendo suggerimenti e facendo segnalazioni utili al controllo ed al presidio della città;
  • Mantenere e sviluppare le convenzioni con Associazioni presenti sul territorio (esempio: Protezione Civile) al fine di poter usufruire delle loro competenze in materia di sicurezza ed emergenza, a supporto del presidio del territorio ed a garanzia della sicurezza dei cittadini, siano esse emergenze da calamità naturali o in ausilio alle locali forze di Polizia. Sarà compito dell’Amministrazione curare e stipulare le convenzioni, oltre a garantire il coordinamento con i vari nuclei di volontariato.

Ambiente e arredo urbano

L'antico fascino della piccola cittadina rurale che era Casoria è solo un offuscato ricordo, vivo unicamente nella mente dei cittadini più anziani o in fotografia. Al giorno d'oggi lo scriteriato piano urbanistico perpetrato nel corso dei decenni ha fatto sì che la città si trasformasse in una giungla di cemento e calcestruzzo. Casoria si presenta fatiscente, spoglia di arredo. Il desiderio è quello di far assumere nuovamente una connotazione urbanistica decorosa alla città, attraverso interventi mirati alla riqualifica del territorio. Di seguito le proposte operative basilari da realizzare:

  • Migliorare la pubblica illuminazione, come già anticipato nel punto 1 del programma;
  • Riqualifica del fondo stradale e del sistema fognario attraverso lavori di riassesto e manutenzione definitivi, lungi dagli inutili rattoppi degli ultimi anni;
  • Installazione di nuove panchine e sostituzione di quelle vecchie e fatiscenti;
  • Installazione di nuovi cestini per la spazzatura nelle vie principali e periferiche della città, considerandone l'attuale penuria;
  • Valorizzazione delle aree verdi esistenti (esempio: Villa comunale) e, ove possibile, creazione di nuove.

Cultura e sport

Compito di un'Amministrazione è ascoltare, favorire e collaborare con chi produce cultura, promuovendo e garantendo la pluralità ed il confronto culturale. Tale risultato si potrà raggiungere proponendo ai giovani, adulti ed anziani non solo eventi culturali, ma anche occasioni di svago, di divertimento e di socializzazione. A tal fine è fondamentale sia sostenere i gruppi culturali e le associazioni presenti sul territorio, sia confermare ed implementare le iniziative culturali già consolidate.
In particolare le nostre proposte programmatiche sono:

  • Coordinare tutte le iniziative culturali dando, in particolare, impulso ai Festival, al fine di creare un’offerta culturale estesa per tutto l’anno e quindi una mirata programmazione invernale;
  • Dare spazio e risalto ai gruppi locali culturali e musicali emergenti;
  • Istituire con le associazioni e i movimenti culturali del territorio un programma di pubblici dibattiti su varie problematiche di interesse generale;
  • Creare un polo turistico-culturale collegandolo con il Museo di Arte Contemporanea (CAM);
  • Promuovere il territorio e le sue peculiarità attraverso percorsi culturali mirati quali la enogastronomia, le tradizioni popolari;
  • Favorire la collaborazione con i dirigenti scolastici e parrocchie;
  • Incentivare la nascita ed il sostentamento di nuove realtà, quali cineforum e rassegne teatrali locali, al fine di mirare all'accrescimento del bagaglio culturale dei casoriani.

Casa Casoria considera lo sport come momento di socializzazione, integrazione ed aggregazione. Sport come diritto ad una formazione, anche fisica, che non privilegi selezione e risultati, ma che consenta a chiunque di esprimersi con le proprie capacità e con i propri limiti. Diritto allo sport inteso anche come prevenzione per la salute.
Ragion per cui l’accesso agli impianti sportivi dovrà essere garantito a tutti i cittadini nell’arco della giornata. Le attività, come gli impianti, devono essere pensate e realizzate per tutte le fasce di età e rese praticabili per chi ha diverse abilità fisiche, motorie e psichiche.
In particolare cercheremo di:

  • Favorire la costituzione di un consorzio delle associazioni sportive e/o la creazione di cooperative giovanili per la gestione degli impianti sportivi esistenti sul territorio;
  • Provvederemo alla ristrutturazione e messa a norma degli impianti sportivi esistenti, verificando la possibilità di attingere a finanziamenti pubblici e/o privati per la realizzazione di altre strutture eventualmente rispondenti ai bisogni espressi dalla cittadinanza.

Economia e lavoro

Gli annosi problemi del lavoro e della disoccupazione, giovanile e non, rappresentano alcuni tra i temi principali per i quali una sana amministrazione deve attivarsi e porvi rimedio. Risollevare l'economia locale, creando occupazione, sarà mantra che guiderà le decisioni da intraprendere. Affinché ciò avvenga, si punterà il focus su determinati punti specifici per far sì che Casoria posso aspirare a recuperare la gloria passata che le appartiene, sia per la sua storia industriale che per la collocazione territoriale strategica. Di seguito gli obiettivi prefissi:

  • Potenziamento dell'ufficio Infomagiovani, per poter garantire adeguata visibilità e mezzi per adempiere alle proprie funzioni di inserire i giovani casoriani nel mondo del lavoro: consulenza per neo-laureati, neo-diplomati e tutti coloro che per la prima volta si affacciano sulla realtà lavorativa, nonché indirizzamento alla scelta (settore, attività, altro);
  • Istituzione di una vera e propria “Banca del Lavoro” in grado di gestire un database di richieste/offerte di lavoro in ambito locale. Tale iniziativa è volta a raccogliere e abbinare tutte le offerte di lavoro provenienti dal settore privato e non, per abbinarle con le richieste e le competenze di tutti coloro i quali avranno fatto pervenire il proprio Curriculum Vitae e avranno sostenuto un colloquio con un esperto del personale. Verranno studiati incentivi per le Imprese che avranno lo scopo di chiudere la ricerca domanda-offerta di lavoro all’interno del territorio comunale;
  • Assegnazione in ambito comunale di una risorsa umana con il compito i individuare le sovvenzioni statali e/o regionali, al fine di indirizzarle sia nel panorama imprenditoriale del territorio, sia per istituire corsi di formazione che consentiranno ai nostri giovani di avere maggiori credenziali nell'inserimento al mondo del lavoro;
  • Dovere dell'amministrazione sarà provvedere ad individuare risorse per organizzare iniziative volte al supporto e reinserimento nel mondo del lavoro per persone che, dopo una onesta carriera, si siano trovate per ragioni indipendenti dalla loro volontà senza più un posto di lavoro;
  • Creazione di mercatini pubblici finalizzati alla vendita di prodotti artigianali e non locali.

Politiche sociali

Le politiche sociali sono un forte segnale di civiltà ed un modo di investire sul prossimo. Il Comune dovrà essere centrale nel sistema dei servizi ed interlocutore principale, oltre che propositore di iniziative comuni, del Terzo Settore e del volontariato. Il sostegno economico e logistico delle associazioni volontaristiche è propedeutico a qualsiasi discorso di collaborazione. L’Amministrazione dovrà orientare tutte le politiche comunali verso l’uguaglianza tra uomini e donne.

Fra le competenze delle politiche sociali e dell’amministrazione deve rientrare anche la lotta ai videopoker ed al gioco d'azzardo, due vere piaghe della nostra società che vengono assurdamente incentivate in un periodo di crisi economica e di identità. Tra le innovazioni da introdurre dovrà sicuramente avere centralità la figura del “Tutor servizi sociali”: un servizio di volontariato in capo al Comune per la gestione di alcuni servizi alla cittadinanza. Tale figura ha un duplice ruolo economico e sociale: sotto il profilo economico permette al comune di mantenere o ampliare servizi alla cittadinanza senza aumento di spesa; sotto il profilo sociale il Tutor punta a valorizzare l’uomo o la donna in età di pensione volenterosi di rendersi utili verso i terzi.

Tra i servizi che potrebbero essere affidati a questa figura, i cui aderenti dovranno essere vagliati e, minimamente, formati dall’ente, rientrano sicuramente le attività di trasporto, accompagnamento a strutture, consegna a domicilio pasti per persone momentaneamente in difficoltà, la figura del nonno vigile ed altre che potranno essere valutate dall’ente in base alle esperienze delle persone che si vorranno prestare a questo servizio. Per l’impegno di persone, in stato di fragilità o disoccupati, in mansioni varie all’interno dell’organizzazione comunale, andrà incentivato ed accentuato l’utilizzo dei vouchers INPS.

Per le famiglie
Il supporto alle responsabilità familiari non è una politica di settore, quanto piuttosto il risultato di una molteplicità d’interventi che riconoscono alla famiglia il ruolo di vero e proprio attore di sistema. L’obiettivo primario di questa Amministrazione sarà quello di proseguire nella politica di tutelare e privilegiare le famiglie residenti sul territorio nell’accesso a quei servizi e interventi a domanda individuale.
Nella fattispecie, si verterà sulla conferma dell’investimento sugli asili (con convenzione con i privati e con la prosecuzione del progetto di creazione di un centro per l’infanzia attraverso il project financing), sulle scuole per l’infanzia e sulla loro qualità. A tal proposito, riteniamo fondamentale finanziare interventi di accoglienza di minori, in età prescolare, attraverso forme flessibili e dislocate in maniera capillare sul territorio, con il massimo coinvolgimento delle forme associazionistiche e cooperativistiche, nonché in collaborazione con il mondo imprenditoriale.

Per gli anziani
Le principali criticità della vita nella terza età sono legate all’inserimento nel contesto sociale di riferimento, in relazione alla perdita del ruolo familiare, del ruolo sociale e non solo della perdita economica e al bisogno di relazione.
Pensionato non sempre coincide con anziano: c’è un enorme giacimento inutilizzato di esperienze e di competenze: commercianti, artigiani, insegnanti e altre professioni intellettuali, molte professioni operaie. Questo patrimonio può essere utilizzato per azioni di recupero e sostegno scolastico, di avviamento al lavoro e all’esercizio di professioni. Possono essere progetti utili a favorire ciò:

  • Un progetto legato al mondo culturale della nostra città volto a creare incontro nel tempo libero di nonni e nipoti;
  • Collaborazione con le Associazioni che in questi anni hanno dato vita ad esperienze di grande importanza. Il welfare di comunità, cioè l’insieme delle responsabilità e delle azioni dei cittadini, può essere sviluppato a partire dall'esperienza di quanti già operano nel costruire la comunità;
  • La priorità va alla rete di Assistenza Domiciliare Integrata per favorire la permanenza in ambito domestico. Tra i progetti dell’amministrazione per il prossimo quinquennio v’è la creazione di una struttura di lungodegenza (o infermeria comunale) anche per ricoveri temporanei, in grado di assicurare i servizi se la famiglia e/o i servizi sussidiari non riescono o non possono garantirli. Oltre a ciò, in collaborazione con il distretto socio-sanitario, andrà potenziata la previsione di sportelli e l’albo per assistenti familiari (badanti) riconosciuti, per aiutare ed incentivare le famiglie alla regolarizzazione delle posizioni lavorative in essere.

Per le persone diversamente abili
Compito fondamentale della nostra Amministrazione sarà differenziare progettualità e sostegni, soprattutto nei confronti dei soggetti disabili in stato di gravità. L'obiettivo principale è di migliorare la qualità di vita di tutti i disabili, tanto da poter favorire, ogniqualvolta possibile, le loro possibilità di vita indipendente e di piena partecipazione a tutte le iniziative.

È importante un “Pronto intervento disabili” per dare la possibilità di sopperire a semplici necessità primarie in tempi reali. Va quindi incentivata l’opera di creazione, in collaborazione con il volontariato e con le Associazioni del territorio, di una postazione in grado di far fronte a situazioni non prevedibili da parte di chi assiste la persona con disagio psichico grave o con difficoltà motorie. Questo si concretizza nell'aiuto per piccole esigenze come l'acquisto di farmaci, la spesa o il semplice accompagnamento a visite o passeggiate. Va inoltre attivata ed incentivata una campagna di sensibilizzazione che chiarisca l'importanza del rispetto degli spazi contrassegnati riservati ed un controllo a tappeto dei permessi contraffatti o detenuti indebitamente.
A ciò va aggiunto:

  • Continuare l'opera di abbattimento delle barriere architettoniche nella viabilità cittadina al fine di creare percorsi sicuri;
  • Promuovere progetti, a vario livello, miranti alla formazione e all'integrazione dei soggetti disabili, nell'ottica dello sviluppo di ogni potenzialità per la vita indipendente;
  • Conferma degli interventi di assistenza domiciliare in favore di disabili;
  • Attività motoria generica e promozione di attività sportiva vera e propria per persone con handicap.

Per i giovani
È necessario proseguire con la sinergia fra amministrazione comunale, istituti scolastici e centri d'aggregazione, come gli oratori, volta all'ampliamento dei momenti destinati al contatto con i giovani. È indispensabile, attraverso queste sinergie e collaborazioni, riportare l'educazione civica nelle scuole di ogni ordine e grado e con attività concrete sul territorio di appartenenza con una politica comune, volta a dare adeguata educazione su vari temi di rilevanza civile, come il rispetto dell'ambiente, la sana alimentazione, l'affettività ed il rispetto degli altri. I giovani devono sentirsi utili e necessari. I giovani vanno ascoltati ed a loro va richiesto di esprimere le proprie esigenze, le necessità e le priorità.

Sarà doveroso, in collaborazione con le realtà associative culturali della nostra città, coinvolgere i giovani nella conoscenza e nella divulgazione della cultura locale.

Il comune dovrà valutare la possibilità di realizzare borse di studio per lavorare presso la biblioteca o altri locali pubblici di interesse socio-culturale in cambio del pagamento della retta e delle spese universitarie o di altri servizi di formazione.

Dovrà essere offerta la possibilità di formazione continua ai giovani in cerca di lavoro, che non riescono a trovarlo o che lo perdono ed una garanzia di un'adeguata assistenza ai giovani precari e/o disoccupati, in termini di accesso ai servizi comunali e alle relative opportunità di sostegno e riqualificazione.
Si dovrà incentivare la promozione del servizio civile comunale ed instituire il servizio dello “Psicologo on-line”.

Scarica il Programma elettorale in formato .pdf

Close