Casoria, rialzati! Entusiasmo per i laboratori dei "Cittadini per Casoria". Giovedì i bambini protagonisti a La Casa di Fiore

Casoria, rialzati! Entusiasmo per i laboratori dei "Cittadini per Casoria". Giovedì i bambini protagonisti a La Casa di Fiore

Casoria, rialzati! Entusiasmo per i laboratori dei “Cittadini per Casoria”. Giovedì i bambini protagonisti a La Casa di Fiore

(Domenico Ruggiero) - Immaginiamo per un assurdo istante che chi ci governa sia tenuto a dire la verità, al pari di Michele Placido nei panni dell'on. Michele Spagnolo nello splendido film "Viva l'Italia" di Massimiliano Bruno. Un concetto estremamente semplice, eppure inverosimilmente subissato in quanto ritenuto "scomodo". Già, perché per qualcuno la verità al giorno d'oggi è diventata un concetto astratto da celare ai più. I motivi? Spesso e volentieri lo si fa per meri tornaconti personali. Non è di certo una novità che la maggior parte dei "politici di professione" siano maestri dell'inganno, al fine di accaparrarsi i propri utili a discapito di un'intera popolazione. Un quadro angosciante, quasi paragonabile a "L'urlo" di Munch. Eppure è in questa situazione surreale che è mestamente precipitata l'Italia, e la nostra Casoria non fa eccezione. Da decenni la città è stata razziata delle sue ricchezze e ridotta ad una carcassa agonizzante a causa della pessima gestione politica perpetrata di mandato in mandato. Le amministrazioni susseguitesi hanno fatto sì che i cittadini si allontanassero dalla politica, facendole assumere una connotazione di oggetto misterioso e irraggiungibile, atto solo a fare i propri comodi. Tale malsana concezione che hanno instillato nella nostra mente è assolutamente errata. Il significato intrinseco della parola è "l'arte di governare la città, l'amministrazione della cosa pubblica", e nell'antica Grecia era il termine in uso per designare ciò che appartiene alla dimensione della vita comune, dunque allo Stato ed al cittadino. La politica, quindi, senza i cittadini non può esistere. I casoriani devono necessariamente essere i primi a scendere in campo per tentare di risollevare le sorti della città, anziché attendere quasi la Divina Provvidenza manzoniana. È questo lo spirito del direttivo "Cittadini per Casoria", fondato dai cittadini per i cittadini per recuperare la normalità che ci è stata negata.
A tal proposito, il movimento nelle giornate di venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 marzo ha dato vita ad una serie di incontri per i casoriani presso La Casa di Fiore, sita in Galleria Marconi, al fine di discutere il da farsi per scrollare Casoria dal torpore in cui è caduta. Eccezionale la risposta dei cittadini accorsi ai laboratori, moderati dal Commissario Cittadino Carlo De Vita, dal vice Salvatore Contiello e dalla dott.ssa Eleonora Niutta, con gli interventi di Carlo Del Vecchio, Rita Amato, Alessandro Pino, Carmine Maro ed altri ancora. L'idea comune emersa dagli incontri è stata proprio la necessità di smettere di lamentarsi senza alzare un dito e, piuttosto, agire. Utopia? Forse, ma d'altronde permanere in una condizione di stasi e negligenza di certo non aiuterà a cambiare le cose. La convinzione del direttivo e dei casoriani giunti è che insieme si possa partecipare al riscatto morale del nostro territorio, partendo soprattutto dalle piccole cose, per poter delineare l'inizio di un nuovo corso. Dalle volontà palesate dopo i tre giorni di riflessione si è dunque redatto un documento che sarà presentato all'attenzione della riunione regionale del centro sinistra che si terrà venerdì 18 marzo presso la sede del Pd di Napoli.
Occorrerà battersi strenuamente affinché si riesca a perseguire la rinascita di Casoria, per il nostro bene e soprattutto delle generazioni future. Proprio queste ultime saranno protagoniste del nuovo incontro giovedì 17 marzo alle ore 18:30 presso La Casa di Fiore: il "laboratorio civico" vedrà protagonisti i bambini che, dopo la proiezione di un breve cartone animato di Geronimo Stilton, daranno libero sfogo alla propria creatività cercando di forgiare la loro "città ideale". E chi meglio di un bambino può illustrare tutto ciò che manca a Casoria in maniera pura, innocente e senza peli sulla lingua?

Condividi su

Redazione

“Cittadini per Casoria” nasce dal desiderio di risollevare una città ormai allo sbando. Gli onesti cittadini bramano che Casoria risorga dalle ceneri dello scellerato braciere che ne ha consumato avidamente le risorse.

Related Articles

Close